Una mamma per amica – i nuovi episodi

Eccomi reduce da una maratona di episodi.

Dopo ben 9 (NOVE!) anni di assenza torna Una mamma per amica, serie televisiva statunitense, andata in onda dagli anni 2000.

La narrazione riprende anni dopo l’interruzione del 2007, vediamo una Rory già trentenne alle prese con la vita da giornalista.

Gli episodi sono 4 e durano 90 minuti, ognuno è dedicato a una stagione dell’anno e sono stati girati tra il 2015 e il 2016. Tutti e quattro gli episodi (prodotti da Netflix) sono stati scritti e diretti da Amy Sherman-Palladino, la creatrice della serie.

eca71e54-1c10-429d-959b-7340941b4c05.jpg

 


Si inizia con Lorelai che sente profumo di neve, è infatti inverno e mamma e figlia di rincontrano sotto al patio. Subito inizia una sequenza di dialogo, in pieno stile Gilmore che ci riporta indietro nel tempo, ed è subito malinconia.

La partenza è lenta, sembra quasi che la narrazione faccia fatica a ingranare, ma poi si riprende ed è tutto meraviglioso.

Ho notato una cosa e cerco conferme: durante la sequenza del chitarrista sul marciapiede, mi sembra che passino intorno a lui alcuni personaggi storici della serie, tra cui Jackson e Jess. Ho le traveggole o ci ho azzeccato?


Le riprese sembrano migliorate, ma c’è sempre il solito tocco che rimanda indietro nel tempo e ci rassicura sulla genuinità (un po’ come la rintracciabilità di filiera).

La serie non ha subito grandi cambiamenti di sorta al passaggio a Netflix.

I veloci sketch passano dall’ilarità a veri e propri momenti lacrimuccia. Il bello di questa serie è proprio questo: non importa quanto riderai, ti ricorderai di quando hai pianto. Perché se c’è una cosa che adoro in Una mamma per amica è che i personaggi sono dannatamente verosimili.

Ritroviamo quasi tutti i vecchi protagonisti; gli attori sono invecchiati, ma rimangono sempre nel ruolo. Non sembra siano passati nove anni da quando hanno rivestito i panni dei loro personaggi.

Le tre generazioni di donne Gilmore sono ancora un trio formidabile e rimangono un buon motivo per guardare lo show. Kelly Bishop è grandiosa, come sempre.


Qual è il segreto della serie? Come fa a essere ancora così bella? 

Caffè e cibo spazzatura a quantità industriali.

E una sceneggiatura da far invidia ad altre serie tv di successo; unito all’aver creato un universo magico, abitato da personaggi reali e mistici, creature bisognose di affetto e mamme fantastiche, ma pur sempre umane. gilmore-girls_notizia-2.jpg

Manca la sigla simbolo, che ci ha accompagnato per ben sette anni, nei lunghi pomeriggi su Italia 1. Questa è, probabilmente, l’unica pecca dei nuovi episodi. Mi sarei emozionata molto di più nel risentirla.

Anche chi era scettico si è dovuto ricredere: la novità funziona e, per ora, ha ricevuto un sacco di critiche positive.

Comunque i vecchi episodi (che ricordiamo sono 157) non hanno nulla da invidiare a questi.

La serie ha finalmente avuto il finale che meritava.

Fate solo attenzione all’effetto nostalgia.

 

Buona visione,

Martina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...