Identità di genere e Stranger Things

No, non parlerò delle teorie gender, state tranquilli.

Storytelling di genere e culto anni Ottanta

QLTHos7FAr4SRvwnj6TtvR.jpg

Prendete la serie del momento e la tendenza, dell’ultimo periodo, a preferire una narrazione di genere e otterrete un enorme successo.

Perché prodotti come Stranger Things, o Game of Thrones, o Star Wars (giusto perché non lo cito mai…) possono contare, fin da subito, su soldi a palate e orde di indemoniati fans?

  • Perché siamo figli della pop-culture, siamo mainstream e siamo attirati come falene verso le icone socioculturali.
  • Perché sono subito riconoscibili, il pubblico sa quello che andrà a vedere. Quando inizi una puntata di Game of Thrones sai che avrai a che fare con armature medievali, spade e castelli (la semplificazione che fa paura, signori).
  • Perché sono prodotti che hanno alle spalle tantissimi “antenati” che garantiscono la loro qualità (vedi lo Star Trek di J.J. Abrams) e milioni di fans affezionati, pronti a sborsare per andare al cinema. Incassi assicurati.
  • Perché sono dei veri e propri fenomeni di culto, nati controcorrente e cresciuti col passaparola tra generazioni differenti.
  • Il merchandising.

 

stranger-things.jpg

Ma quindi, perché Stranger Things ha avuto così successo? Perché è nato per essere un prodotto di culto. Ha un genere ben definito e anche una collocazione temporale ben precisa: gli anni ottanta.

Si trascina dietro tutti quei fan del trash anni Ottanta, dai Goonies, a E.T. a Twin Peaks… ben sicuro che la gente lo guarderà, perché quello è l’attuale target: non più i ragazzini di sedici anni, ma nostalgici quarantenni che dormono col pupazzo di Yoda.

Poi, grasso che cola, è magistralmente costruita, con attori da urlo (Winona Ryder, icona dei film anni ’90) e storia pazzesca. C’è tutto ciò che ti fa desiderare di essere negli anni ’80: la musica, i bambini che ancora sanno cos’è l’aria aperta, la provincia americana, il fascino per il soprannaturale…

Attinge all’immaginario popolare con tantissimi riferimenti e citazioni, ma state tranquilli: sono riusciti a renderlo unico.

 

P.S. Stranger Things è una serie televisiva di fantascienza ideata da Matt e Ross Duffer per Netflix.

Martina.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...