*Resoconto* Vikings S02 episodio 10 – FINALE

Mi accingerò a fare una cosa mai fatta prima (da me, of course), ovvero: recensire una puntata di una serie televisiva.

Vikings (in onda su History Channel) è una delle poche serie televisive, attuali, che davvero riescono a trascinarmi violentemente, contro la mia volontà, in un altro universo. Ok, non supera di certo la maestosità di GOT, ma diciamo che lo segue a ruota. Non è per niente ridicola, o infantile, come certe serie tv di adesso, inoltre non ci sono vampiri (oh yeah!) e poi sono tutti dannatamente fighi e stratosferici.

Ragnar, photoshoppato con una fenice in un occhio.
Ragnar, photoshoppato con una fenice in un occhio.

Ho avuto la brillante idea (*fischi di ovazione*) di fare un resoconto, sul finale della seconda stagione, perché mi ha lasciato di stucco (in senso buono) e perché mi annoiavo a morte.

Si, lo so, l’hanno mandata in onda una settimana fa, ma io ho avuto solo oggi tempo per guardarla.

Non starò qui a fare un riassunto delle puntate precedenti, se non sapete di cosa sto parlando, sappiate che i protagonisti sono dei vichinghi (ah, ma davvero?) e che se non andate subito a guardarvi la primissima puntata non sapete cosa vi state perdendo (in più, vi ho detto che sono fighi da paura! Cosa fate ancora qui?!).

Avevamo lasciato i nostri vichinghi con una scintillante disputa (una sorta di scontro tra titani) su chi avesse veramente le palle per fare il re di tuuuuutta la galassia. Ragnar (il protagonista n.d.r.) vuole sempre fare il boss della situazione e questa cosa non va a genio a Re Horik, si lanciano frecciatine e battutine pungenti per tutta la durata della seconda stagione e finalmente sembra che si daranno due fendenti nei denti… o due manate arrabbiate (boh, era per fare rima).

*sigla figa e preparatoria ad altre cose fighe*

Nella prima scena c’è Floki  (un tipo truccato peggio di Avril Lavigne, con strani tic) che dorme tranquillamente tra la puzza di pesce. Viene svegliato da sua moglie, la quale lo avvisa del fatto che, mentre lui era in Inghilterra a fare il pirla, ops… a combattere, lei ha dato alla luce la loro bambina. Lui si incazza perché ‘sta bambina ha qualcosa di strano, inoltre, prima che lui partisse la donna non era nemmeno incinta. La piccola è nera e assomiglia vagamente a Mario Balotelli. Floki non la riconosce, le da un nome di merda e dice alla donna di andarsene, prima che gli girino i cosiddetti…

Successivamente si assiste all’allegra rimpatriata di King Horik con la sua famiglia, arrivata con un barcone, come gli immigrati a Lampedusa. Per festeggiare si fa un banchetto (che strano…) e Horik promette a Ragnar che le sue figlie sposeranno i suoi figli, per unire le due famiglie eccetera, eccetera…

Durante la festa Floki (che, nelle precedenti puntate, aveva momentaneamente preferito Horik a Ragnar) dice al re: “We bello, abbiamo dei conti in sospeso. Io ti ho appoggiato nelle tue scelte del cavolo, ora mi devi dare qualcosa in cambio.” Horik, senza troppi giri di parola, gli risponde che non si fida di lui e che dovrà uccidere qualcuno di importante. Lo sguardo di Floki si posa sulla seconda moglie di Ragnar che, ubriaca, innaffia gli ospiti come fossero girasoli. Poi va a disturbare quel povero diavolo…ehm, prete di Athelstan, il quale scappa via come se stesse per vomitare.

In the meantime, il primo figlio di Ragnar, quello avuto dalla sua ex moglie (eh si, anche loro divorziano…), Bjorn, fa figure di merda in pubblico, disturbando una ragazza che prima era schiava e adesso vuole diventare una guerriera cazzuta.

C’è una gara di tiro della moneta e vince Floki (notizia poco rilevante), poi quella baldraccona di Siggy ritorna all’attacco con Re Horik, ma lui le risponde che è arrivata sua moglie e che non ci sta.

Floki prende il sole norvegese sulla spiaggia, ma viene disturbato da Horik che gli chiede se ha deciso chi ucciderà, lui gli risponde di sì. Poi si spalma del dopo-sole all’aloe vera e va a raccogliere funghi, prima annusandoli per bene.

Si tiene una specie di riunione (stranamente, mentre mangiano) dove si decidono le prossime mosse da fare. Alcuni vogliono diventare pallidi contadini inglesi, altri razziatori in altre terre… il punto in comune è se fidarsi o meno della parola di un re inglese. Mah, se è vero che la storia insegna, direi di non fidarsi!

Quel mattacchione di Floki (il vero protagonista di questa puntata!) va a trovare Rollo, il fratello di Ragnar, ridotto uno storpio dalla battaglia in Inghilterra. Gli fa ingurgitare dei funghi, definiti da lui “il cibo degli dei”, fa gesti sciamanici sopra la testa del guerriero, poi toglie il disturbo.

Un altro banchetto (l’avreste mai detto?), Floki dice a un figlioletto di Ragnar di consegnare dei funghi a Torstein, un tipo biondo e muscoloso (l’avreste mai detto?). Per non fare aprire bocca sull’accaduto al povero bambino, gli racconta una storia di fantasmi e di mostri. Il tipo biondo e baffuto, dopo aver ricevuto il fantastico omaggio, alza i funghi a ‘mo di brindisi, ringraziando Floki della sua generosità.

Qualche secondo dopo lo si trova morto, con del sangue che gli esce dalla bocca. Floki, per non destare sospetti, piange come una vedova.

Cala la notte e Floki si incontra con il re in una romantica capanna sul mare. Molto candidamente il re informa Floki che vuole sterminare la famiglia di Ragnar, uccidendo persino i suoi amati capretti. Non vuole che qualcuno si vendichi, come dargli torto?! Gli chiede una mano e gli ordina di trovare un modo per uccidere Bjorn fianco-di-ferro (Iron-Side, non perché ha una placca metallica nella gamba, ma perché è miracolosamente uscito indenne dalla battaglia).

E infatti eccolo qui, Bjorn, prestante guerriero che nessuna lancia può toccare, ma che non riesce a chiedere di uscire a una ragazza. Lei, spinta da moti pietosi, lo invita a lottare a mani nude nel bosco. La lotta si tramuta in giochi hard nell’erba, mentre quel maniaco di Floki li spia da dietro i cespugli.

C’è quel figo di Rollo (che non è ancora morto per i funghi) che prova a camminare con una stampella, mentre la sua badante cucina verdure, tagliandole con l’ascia (che volete farci…sono vichinghi).

Siggy va a fare shopping e viene fermata da re Horik che le mette in mano un coltello e gli dice di uccidere i figli più piccoli dello jarl Ragnar, in pieno stile pappone. In cambio le promette l’ambito posto di regina (o meglio, di seconda moglie).

Ragnar è perso nei boschi con Athelstan, al quale chiede di insegnargli una preghiera cattolica, mentre al villaggio (il cui nome ricorda una marca di cibo per gatti) le due parti si preparano allo scontro finale!

Quella mega gnocca di Lagertha (la prima moglie) si mette in modalità guerriera-spacca-cranio e cammina come una vera diva del cinema per le strade, andando a prendere a calci in culo la moglie del re.

Dopo una vorticosa sequenza di immagini, il burattinaio cala il sipario e si scopre che quel burlone di Floki faceva il doppio-doppio giochista e che Torstein è vivo e vegeto, la puttanona di Siggy non ha ucciso nessuno e Ragnar era informato di tutto. Inutile dirlo, Horik fa una brutta fine: Ragnar gli frantuma la testa a suon di craniate. Finita l’opera, barcolla via, con gli uccellini che gli volano intorno…

La scena finale sembra presa direttamente da Highlander: Ragnar, impellicciato e con un mega spadone, sorride compiaciuto  in cima a una montagna. Come un vero pazzo.

 

Ta-daa! FINITA!

Waiting for the third season….

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...